Arte
Arte

Hokusai

La grande onda in Punto Nemo
La grande onda, Hokusai

Anche se da fantasma | me ne andrò per diletto | sui prati d’estate


(da “Hokusai. Il vecchio pazzo per la pittura”)

Vincent van Gogh, Campo di grano con volo di corvi, 1890

«Ritornato qui mi sono sentito molto triste, e ho continuato a sentire pesare su di me la tempesta che vi minaccia. Che farci – vedete, di solito cerco di essere di buon umore, ma anche la mia vita è attaccata a un filo, anche il mio passo vacilla. […] Ecco – ritornato qui mi sono rimesso al lavoro – però il pennello mi cadeva quasi di mano – sapendo bene ciò che volevo ho ancora dipinto ancora tre grandi quadri. Sono delle immense distese di grano sotto cieli nuvolosi e non mi sento assolutamente imbarazzato nel tentare di esprimere tristezza, e un’estrema solitudine. Spero che li vedrete fra poco – perché spero di portarveli a Parigi il più presto possibile, perché ho persino fiducia che tutti questi quadri vi potranno dire, ciò che non riesco a dire a parole, ciò che io vedo di sano e di rinfrancante nella campagna.»


Vincent Van Gogh

Autoritratto con i capelli tagliati

Autoritratto con i capelli tagliati, Frida Kahlo, olio su tela; 1940 Museum of Modern Art of New York – qui, alla Fondation Louis Vuitton di Parigi

L’artista messicana indaga l’identità femminile. Quanto contano i capelli nel nostro processo di identificazione femminile?, anche ogni giorno guardandoci allo specchio? Frida sembra spogliarsi dei vestiti da donna per indossare il suo alter ego maschile, che sembra si percepisca perfino nella postura, più sicura – come se la sicurezza fosse una prerogativa dell’uomo.

Ragazza alla finestra

Salvador Dalì, 1925, Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid. Una ragazza alla finestra, il mare e la pittura.

Chi è il soggetto dipinto? La sorella di Dalí, Aña Maria, che nel 1925 aveva 17 anni. Questo dipinto sembra sinestetico: dalle ante aperte, sembra penetrare la brezza marina e l’odore salmastro del mare.

Il contesto in cui Dalì lo dipinse era quello delle vacanze estive a Cadaqués, dove spesso con la famiglia passava le estati. Lo stesso panorama torna anche in un altro suo dipinto, Rocks of Es Llaner del 1926.

Gli anni 20 furono di formazione per Dalì per comprendere e definire il suo stile, sperimentando con differenti stili artistici prima di identificarsi totalmente con il surrealismo. Ragazza alla finestra, catturando un momento di vita quotidiana, fa scorgere le influenze del movimento del Noucentisme (diffusosi in Catalogna nei primi anni del XX secolo), anche per il tratto e la pennellata data al corpo di Aña Maria.

Ecco cosa ci racconta J. Cusí in un articolo sull’esposizione di Salvador Dalí pubblicato in La Veu de l’Empordà (Figueres, 12/12/1925): “Ragazza alla finestra,pur avendo le stesse qualità di altre opere, è più fresco, delicato nei colori e più luminoso. Guardando il dipinto, si prova un indefinibile sentimento di pace e benessere”.

The Banquet

Tutto nelle mie opere nasce dal sentimento e dalla consapevolezza che noi apparteniamo a un universo enigmatico.

The Banquet, René Magritte, 1958

Curiosità: la madre di Magritte si è annegata nella Sambre.