Arte

Ragazza alla finestra

Salvador Dalì, 1925, Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid. Una ragazza alla finestra, il mare e la pittura.

Chi è il soggetto dipinto? La sorella di Dalí, Aña Maria, che nel 1925 aveva 17 anni. Questo dipinto sembra sinestetico: dalle ante aperte, sembra penetrare la brezza marina e l’odore salmastro del mare.

Il contesto in cui Dalì lo dipinse era quello delle vacanze estive a Cadaqués, dove spesso con la famiglia passava le estati. Lo stesso panorama torna anche in un altro suo dipinto, Rocks of Es Llaner del 1926.

Gli anni 20 furono di formazione per Dalì per comprendere e definire il suo stile, sperimentando con differenti stili artistici prima di identificarsi totalmente con il surrealismo. Ragazza alla finestra, catturando un momento di vita quotidiana, fa scorgere le influenze del movimento del Noucentisme (diffusosi in Catalogna nei primi anni del XX secolo), anche per il tratto e la pennellata data al corpo di Aña Maria.

Ecco cosa ci racconta J. Cusí in un articolo sull’esposizione di Salvador Dalí pubblicato in La Veu de l’Empordà (Figueres, 12/12/1925): “Ragazza alla finestra,pur avendo le stesse qualità di altre opere, è più fresco, delicato nei colori e più luminoso. Guardando il dipinto, si prova un indefinibile sentimento di pace e benessere”.

Sono Marianna, scrivo cose, a caso?, per caso. Sono una (s)content creator, ho paura delle balene, ho sempre nostalgia di Parigi e mi diverto immaginando nomi da dare a un cane che ancora non ho. Ogni tanto soffro di logorrea, non ho tempo di scrivere ma mi narro storie nella testa. Vivo con personaggi che non esistono, ma non sono pazza, non troppo, giuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.