Questo amore di Roberto Cotroneo

Una storia che passa in modo piacevole, ma che non trapassa il lettore e lascia pochi segni.

 

SINOSSI: “Questa è una storia semplice. Quella di Anna: giovane insegnante di italiano in una città del sud. E quella di Edo: calciatore di serie A che alla fine della carriera vuole prendersi la maturità classica, per aprire una libreria. Quando si innamorano la storia di Anna diventa la storia di Edo. Dal momento in cui si conoscono Anna ed Edo si parlano d’amore attraverso i versi dei loro poeti più amati, attraverso le pagine dei libri di poesia allineati sui loro scaffali. Gli scaffali della libreria che hanno aperto insieme e che diventa il luogo, anche metafisico, del loro amore. Il luogo dove Anna aspetterà Edo. Perché lui è andato via: non si sa dove, non si sa il perché. E Anna dedicherà la sua vita all’attesa di questo amore tanto sospeso quanto reale, tanto profondo quanto felice.”

 

Cotroneo_questo_amore

 

Una trama di questo romanzo non c’è. È la storia di una distanza, di un’assenza, di un dolore sordo che vuole esprimersi in parole e ricordi. E l’autore lo fa con una grande delicatezza, senza dubbio, ma nonostante ciò finisce per annoiare. Il ridondante racconto di questa mancanza diventa soffocante, e forse è proprio così che deve essere. Forse è questo lo scopo dell’autore, del resto. Intristisce per poi regalare un bel finale. Sì, è stato un degno finale per questa storia senza evoluzione, solo un continuo parlare di ciò di cui non si potrebbe neanche parlare, non riuscendo a pieno a dirsi.

Se la vita è un modo di dissiparsi, come faccio a trattenere tutto questo nella mia memoria?

L’impressione di Questo amore è di essere una sorta di diario. Forse figlio di un’esigenza intimistica dell’autore di raccontare qualcuno. Edo, Edo ovunque, un fantasma; poco della protagonista che pare vivere solo dell’amore altrui, molto del ricordo di chi è stato e non è più, un amore profondo e tuttavia bruscamente interrotto. Ridondante, ridondante. A volte pare che Cotroneo abbia esaurito le parole e per questo si appigli a quelle di altri, troppo, troppe citazioni.

 

L’amore inizia nel corpo, dice un poeta. E poi dove arriva? Se inizia nel corpo dove va a finire? Può smarrirsi fuori dal corpo, oppure è proprio fuori dal corpo che deve arrivare? Qual è il pensiero dell’amore?

 

Leave a Reply