Punto Nemo

Il punto più lontano dalle terre emerse

Lisboa malinconica e intrigante

Lisbona, il primo viaggio post pandemia e le impressioni su una città cambiata.

Brevemente risplendiamo sulla terra…

e L’istante Largo: i libri di marzo Cari amici e care amiche, eccomi di nuovo nella strenua lotta contro il tempo a cercare di legare, con un cordoncino spesso, le storie che leggo alla mia memoria. Prima di lanciarmi in Brevemente risplendiamo sulla terra, voglio parlare de L’istante largo di Sara Fruner, che mi ha…
Leggi tutto

Animale che Muore

Ho visto, e quello che ho visto mi ha scomposto in parti Indefinibili Ho un animo di animale Che muore Lingua di farfalla, Bocca di pesce, Atomi dispersi

Fashion Issue

Fall winter spring summer year, years, life Fashion trends New collection – OUT NOW

Crepitio stelle, La sottrazione e la quarantena

I brevi commenti su La sottrazione e Crepitio di stelle, due libri in una quarantena un po’ dura che porta anche riflessioni diverse, o forse sempre sempre le stesse?

La storia della forchetta e altre stranezze

La storia degli oggetti, dalla forchetta alla carta igienica, dal bottone al water, ci fa pensare a quanto l’umanità sia poca propensa ad accettare il cambiamento. O forse solo a quanto la comodità sia un agio a cui nessuno più rinuncerebbe.

le sere di gerard reve

Le sere di Gerard Reve

In cerca di nuovi titoli Iperborea? Stavolta è il turno di Le sere di Gerard Reve, famoso romanzo olandese che ci porta nel cuore delle serate del cinico protagonista Fritz.

recensione stoner punto nemo

Stoner di John Williams

Stoner è un libro che non rileggerò mai, che non appassiona, ma che fa così: stimola riflessioni a-posteriori. Stoner è arrivato ai lettori proprio perché dà voce al tedio di tante esistenze che iniziano e si concludono con lo stesso uguale andamento.

kunsthalle museum

Riscoprire le artiste: donne dimenticate

Riscoprire la vita e le opere di artiste dimenticate in quanto donne è un compito più che mai urgente contro una discriminazione di genere che ha privato il mondo dell’arte di ciò che abbiamo di più sacro: la memoria.

Blatero ergo sum

Blatero ergo sum è la sintesi un po’ sconnessa di alcuni mesi passati a cercare lavoro e la propria identità e perfino il senso della vita.